logo excellence
excellence
maggio 15, 2017 - Mercedes-Benz

Eccellenza e audacia: 20 anni dei SUV della Stella

Vent’anni fa #mercedesbenz presenta a Tuscaloosa (Alabama/USA) Classe M. Il predecessore dell’odierno GLE, nato sulle orme della leggendaria Classe G, spiega lo straordinario successo dell’offerta del marchio sul fronte degli Sport Utility Vehicle (SUV). Allo stesso tempo entrambi i modelli rappresentano la base della vasta offerta odierna di veicoli #mercedesbenz in questo segmento del mercato che, oltre a Classe G e GLE, comprende anche GLA, GLC e GLS.
Nel campo dei veicoli per il trasporto di persone su fuoristrada gravoso nessuna Stella è così radiosa come quella della #mercedesbenz Classe G, un veicolo prodotto dal lontano 1979. Tuttavia fin dall’inizio degli anni ’90, il Marchio di Stoccarda ha riconosciuto il potenziale per la creazione di un ulteriore segmento automobilistico nel campo dei fuoristrada: quello di un veicolo sportivo e confortevole, ideale per lo sport e il tempo libero, tuttavia tecnicamente molto affine alle normali vetture per il trasporto di persone.
Nel 1993 vengono fissate nero su bianco le caratteristiche peculiari di questo nuovo concept. Tre anni più tardi, in occasione del North American International #auto Show (NAIAS) di Detroit, #mercedesbenz presenta il concept ‘AAVision’, uno studio già maturo per la produzione di serie. Il nome del concept car rimanda al segmento ‘All Activity Vehicles’ (AAV), che in seguito si sarebbe affermato in tutto il mondo con il nome ‘Sport Utility Vehicles’ (SUV).
20 anni fa, a maggio del 1997, debutta #mercedesbenz Classe M serie W 163. Il veicolo per il tempo libero idoneo alla marcia fuoristrada coniuga il meglio di due mondi: trazione integrale, elevata altezza libera dal suolo e grande spaziosità interna sono infatti i principali punti di forza di un classico fuoristrada. A queste qualità si aggiungono però eccellente comfort di marcia anche a velocità elevate su strade asfaltate, grande versatilità dell’abitacolo e design armonioso.
Il nuovo livello di comfort è reso possibile soprattutto dall’intelligenza dell’assetto di Classe M. Diversamente da molti competitor, la W 163 offre sospensioni a ruote indipendenti sull’asse anteriore e sull’asse posteriore. Anche la trazione integrale permanente si differenzia dalle soluzioni tradizionali: Classe M non presenta bloccaggi del differenziale convenzionali, ma utilizza al loro posto una versione ulteriormente ottimizzata del sistema di trazione elettronico ETS. Quando una ruota slitta su fondo sdrucciolevole, l’ETS la frena fino al raggiungimento di una determinata differenza di velocità prescritta, al fine di far aumentare la coppia sulle ruote che presentano un buon grip. La perfetta sinergia di sospensioni a ruote indipendenti ed ETS ottimizzano sicurezza e stabilità di marcia di Classe M, su fondo asfaltato come #offroad.
Un nuovo stabilimento per questa famiglia di veicoli
L’anteprima mondiale di Classe M avviene nello stabilimento #mercedesbenz di Tuscaloosa in Alabama (USA). Si tratta dello stabilimento da sempre dedicato dalla Casa di Stoccarda alla produzione di quasi tutti i #suv di classe media e superiore. La decisione di costruire una fabbrica negli USA per un nuovo veicolo a trazione integrale viene annunciata nel 1993 da Werner Niefer, Presidente del Board of Management di #mercedesbenz AG. Tuscaloosa si afferma così come il primo stabilimento #mercedesbenz costruito al di fuori della Germana per la produzione di un nuovo veicolo per il trasporto di persone. Ed è allo stesso tempo il primo sito produttivo di #mercedesbenz negli Stati Uniti d’America. I lavori di costruzione del sito iniziano nel 1995. La produzione di Classe M (limitata inizialmente al solo modello ML 320) viene avviata a febbraio del 1997.
#mercedesbenz inaugura ufficialmente il nuovo sito il 21 maggio del 1997, in occasione della presentazione di Classe M. Al NAIAS 1997 è già possibile ammirare chassis, catena cinematica con trazione integrale intelligente e motore V6 3.2 di nuovo sviluppo. Con la sportiva e compatta Classe M, #mercedesbenz assume il ruolo di protagonista mondiale nella fortunata storia dei #suv. E questo è confermato dalla straordinaria richiesta di veicoli del nuovo modello, che riscuote altrettanto grandissimo consenso anche da parte media specializzati. Per tale ragione, dal 1999 al 2002, la produzione della W 163 viene affidata oltre che allo stabilimento di Tuscaloosa, anche a quello di Graz di Steyr-Daimler-Puch AG – deputato da sempre a quella di Classe G.
Se, in una prima fase, la ML 320 è riservata al mercato nordamericano, da marzo del 1998 Classe M viene offerta anche ai Clienti europei. Oltre al modello V6 da 160 kW (218 CV), è disponibile la ML 230 con motore quattro cilindri da 110 kW (150 CV). Le altre versioni della prima Classe M spaziano dalla ML 270 CDI (120 kW/163 CV) alla ML 55 AMG (255 kW/347 CV).
Impulso internazionale
Classe M è uno dei prodotti #mercedesbenz di maggior successo a partire dagli anni ’90. È questo modello che ha decretato l’affermazione sul mercato internazionale di questa nuova tipologia di veicoli, determinando l’esplosione del fenomeno #suv. Con la seconda generazione di Classe M, la W 164 costruita a partire dal 2005, #mercedesbenz non smette di dare nuova linfa a questo progetto. La fabbrica di Tuscaloosa viene ampliata, il numero dei dipendenti raddoppia.
Diversamente dalla prima Classe M, che presentava una struttura del telaio in profilati scatolati chiusi, la W 164 viene ora dotata di carrozzeria autoportante. Anche l’assetto viene ulteriormente sviluppato dagli ingegneri. Il risultato è un comfort di marcia ancora maggiore su strada, a fronte di un una rigidità torsionale ideale per l’impiego fuoristrada. La gamma delle motorizzazioni spazia dalla ML 280 CDI 4MATIC (140 kW/190 CV) fino alla ML 63 AMG 4MATIC (375 kW/510 CV), con motore V8 a quattro valvole e motore a benzina con iniezione nel tubo di aspirazione. Al New York International #auto Show 2009, #mercedesbenz presenta il modello ML 450 HYBRID sviluppato per il mercato statunitense. Questo combina un motore a benzina V6 e due motori elettrici, per una potenza complessiva di 250 kW (340 CV). Nello stesso anno lascia le linee di Tuscaloosa il milionesimo esemplare di Classe M.
La terza generazione di Classe M, la W 166, è stata presentata per la prima volta nel 2011, in occasione del Salone Internazionale dell’Automobile IAA di Francoforte sul Meno. Fulcro dello sviluppo sono ancora l’ulteriore aumento dell’efficienza nei consumi, un maggior comfort di marcia su strada e fuoristrada e l’impiego di sistemi di assistenza e sicurezza innovativi. Dal restyling dell’autunno del 2015, la W 166 reca la denominazione GLE. Ciò rende chiaro il suo posizionamento come #suv appartenente alla famiglia di Classe E. Alla fine del 2016, nello stabilimento di Tuscaloosa sono stati costruiti ben 2,4 milioni di #suv della classe media superiore (GLE e, dal 2016, GLE Coupé) e della classe superiore (GLS).


Filtro avanzato