logo excellence
excellence
novembre 12, 2020 - Nuvolari Lenard

Il futuro del ‘wellness living” nello yacht design secondo Nuvolari Lenard

Carlo Nuvolari, cofondatore e amministratore delegato della pluripremiata Nuvolari Lenard, condivide il suo pensiero e spiega perché un approccio più profondo e completo verso il #benessere assicuri una soluzione migliore e più attuale nel #design dei luoghi dove viviamo, sia a bordo di un #superyacht sia in una lussuosa abitazione.

In quanto designer, è nostra responsabilità creare ambienti che si adattino al meglio a coloro che dovranno viverli. L’architettura rispecchia da secoli, se non addirittura da millenni, le nostre abitudini. Ci basta osservare la pianta di una casa del passato per avere un’istantanea di come la gente viveva la propria quotidianità. Ne consegue che il modo in cui scegliamo di vivere oggi non è immutabile, anzi continua a evolversi insieme agli sviluppi della società e delle tecnologie.

STARE AL PASSO CON I TEMPI
Mai prima d’ora abbiamo dato così tanta importanza al #benessere mentale e fisico come strumento per godere una vita migliore e più lunga. Oltre agli ovvi benefici fisici, ci permette di ragionare più lucidamente, di sentirci meno stressati e migliorare l’umore aumentando le endorfine. Quindi, perché il #design e i layout di #yacht e abitazioni non stanno riflettendo questa tendenza degli armatori a dedicare più tempo al #benessere e alla salute?

Se comparata al settore relativamente innovativo della costruzione commerciale, l’architettura degli #yacht – e, in misura minore, delle case – è generalmente molto conservativa. Tradizionalmente, i layout di #yacht e abitazioni assegnano un significativo valore di mercato ai salotti tradizionali e alle aree pranzo, molte delle quali arredate lussuosamente, che risultano poi poco sfruttate e non correlate al nostro modo di vivere odierno. Al contrario, gli spazi dedicati a uno stile di vita attivo e al #benessere – come palestre, hammam, spa, saune, saloni di bellezza e cinema – sono relegati in aree isolate che ricevono relativamente poca luce naturale e separano chi li usa dagli amici e dalla famiglia.

Quando il flusso e la disposizione di un’abitazione non sono confortevoli o non riflettono il nostro stile di vita, è naturale provare una certa ansia e inadeguatezza. Suddividere la nostra quotidianità in una serie di piccole stanze separate ci obbliga a spostarci di continuo tra gli spazi e allontanarci dai nostri familiari, suscitando un senso di inquietudine

La verità è che la maggior parte delle persone non vuole stare sola quando svolge le proprie attività preferite; per questo noi designer possiamo seguire un’altra strada quando proponiamo i progetti di case e #yacht all’armatore e ai suoi ospiti: qualcosa di più conviviale, moderno e in linea con il modo di vivere di oggi.

PIÙ DI UN BEACH CLUB
Senza dubbio, la crescente popolarità dei beach club a pelo d’acqua non può essere ignorata. Questi spazi si sono evoluti da piccoli vestiboli che collegavano la piattaforma bagno con gli interni, a spazi funzionali dedicati al relax e al #benessere dotati di terrazze abbattibili che si aprono direttamente sull’acqua.

Inoltre, a bordo degli #yacht di grandi dimensioni più moderni, il tender non è più alloggiato a poppa, ma viene riallocato direttamente sul ponte di prua o in garage sottostanti con gru di alaggio. Questa scelta libera un notevole spazio vivibile, permettendo agli ospiti di sentirsi ancora più vicini al mare.

La maggior parte di questi beach club, però, è ancora utilizzata semplicemente come palestra o area spa o come spazio di intrattenimento durante una mattina trascorsa con i giochi d’acqua. Gli ospiti godono dunque di questo spazio solo se prendono parte a queste specifiche e limitate attività o se decidono di tenere compagnia a qualcuno che si sta allenando.

UN NUOVO SPAZIO DA VIVERE INSIEME
Il modo in cui Nuvolari Lenard immagina il futuro del ‘wellness living’ nello #yacht #design riflette i valori e i gusti di una nuova corrente di armatori, che non credono più al fatto che un ambiente, per essere lussuoso ed elegante, debba essere formale. A questi clienti non importa faticare sul tapis roulant o fare un tuffo in piscina mentre amici e familiari guardano un film, chiacchierano nella lounge adiacente o si godono uno snack a metà mattina in una zona pranzo informale. In realtà, è proprio quello che cercano.

Immaginate un salotto informale e integrato, perfettamente collegato agli spazi esterni attraverso grandi porte scorrevoli che creano un unico ambiente: una soluzione che è diventata sempre più popolare. Non esistono più le soffocanti sedute con tavolini da caffè sovradimensionati e sono bandite le scomode e formali zone pranzo. Al loro posto troviamo uno spazio aperto e pieno di luce, dove viene voglia di trascorrere tempo insieme e rilassarsi, pedalare su una cyclette, nuotare in piscina, fare uno spuntino o guardare un film. Le attrezzature sportive non sono più considerate un pugno in un occhio, ma possono essere integrate nel #design utilizzando materiali personalizzati di alto livello senza che quelle plastiche scure e pesanti dominino lo spazio.

Questo ambiente favorisce il #benessere dello spirito così come quello del corpo, grazie ai migliori sistemi di entertainment e alla libreria, luogo ideale per la riflessione e la conversazione. Si rivela anche uno spazio dove organizzare riunioni informali, in remoto o in presenza. Uno spazio che potrebbe posizionarsi sul ponte inferiore, affacciato direttamente sull’acqua grazie alle terrazze apribili, oppure sul ponte principale, godendo della presenza della grande piscina di poppa distante solo pochi passi.

Per concludere, come designer desideriamo proporre ai nostri clienti questi nuovi spazi pensati per la convivialità nel più totale comfort, così che possano trascorrere il tempo facendo quello che più amano. Una casa moderna, sia essa galleggiante o a terra, che possa rafforzare il “wellness living” e venire incontro alle necessità di ogni cliente. È nostra responsabilità guardare avanti e offrire queste nuove possibilità per vivere una vita migliore piuttosto che guardarci indietro e ripetere ciò che è stato già fatto.”